artigianato tradizionale dei violini di cremona-liuteria-laboratorio stradivari-legno.-jpg

L’artigianato tradizionale dei violini di Cremona è patrimonio UNESCO

Liuteria: l’arte di fare strumenti musicali che diviene patrimonio immateriale dell’umanità

Curioso di sapere la storia dell’artigianato tradizionale dei violini di Cremona? Allora che aspetti, prenditi una tazza di tè, mettiti comodo, rilassati che ti spiego tutto io.

Innanzi tutto partiamo dalle basi, ovvero cosa si intende per patrimonio immateriale dell’umanità. Si definiscono patrimoni immateriali, quelle espressioni di cultura non tangibile, che l’UNESCO ha deciso di salvaguardare per sottolinearne l’importanza.

L’UNESCO, si pone come obiettivo la protezione di queste tradizioni, che spesso sono tramandate oralmente, al fine di evitarne la scomparsa.

Se sei interessato alle altre funzioni dell’UNESCO ti rimando al mio post dedicato.

Tra questi esempi di cultura immateriale, c’è senza dubbio la liuteria. Se vogliamo essere più precisi la tradizione liutaria Cremonese. Infatti è proprio a Cremona che nasce, cresce e si sviluppa, fino a diventare eccellenza mondiale, l’arte di costruire le viole.

liutaio-fumetto-violino-persona-marrone-jpg
(graphic by Michele Ginevra e Roberta Sacchi)

Breve storia dell’artigianato tradizionale dei violini di Cremona

Se ti stai chiedendo perché, proprio a Cremona nasce il centro più importante del mondo dell’arte liutaia, non ti preoccupare me lo sono chiesto anche io.

E la risposta non può che essere Andrea Amati.

Andrea Amati, nasce a Cremona, tra il 1505/1510, si sa poco della sua storia, ma si dice fosse stato il primo a costruire un violino. Quindi possiamo considerare l’Amati come lo Steve Jobs del 1500, come il Jeff Bezos (fondatore di Amazon) del liuto, in poche parole un genio e un innovatore.

E’ ovvio che con una base così, Cremona non poteva che diventare la Silicon Valley italiana dell’arte liutaria.

La tradizione cremonese, nata con Andrea, prosegue florida e prosperosa, anche e soprattutto grazie al nipote Nicola. Nicola Amati, infatti, è considerato il capostipite della liuteria classica di Cremona, tra i suoi discepoli abbiamo: Carlo Bergonzi, Giuseppe Guarenti del Gesù e Antonio Stradivari.

Forse di quest’ultimo ne hai già sentito parlare vero? Beh se non lo conosci, ti basti pensare che la sua viola Macdonald, è andata all’asta per 32 milioni di sterline. Stiamo parlando di uno strumento costruito nel 1719.

Il musicista che lo ha suanato, ha dichiarato: ” è come se uno avesse ordinato una viola a Stradivari, e 300 anni dopo, il liutaio te la avesse consegnata”.

Se vuoi vedere ma soprattutto sentire, questa rarità, ti consiglio di cliccare su questo video, io lo ho fatto.

Invece, se sei interessato alla storia liutaria, ti consiglio di farti un giro al museo di Cremona, clicca qui per più info.

Vuoi avere un’anteprima del museo? Guarda questo video e lasciati ispirare da David Garret.

Non sai chi è David Garret, lui è il Jedi della viola, se non ci credi, guarda il video delle sue performance.

sequenza-fumetto-stradivari-lavorare-legno-liuto-jpg
(graphic by Michele Ginevra e Roberta Sacchi)

Saper fare il liutaio: la scuola cremonese

Sei arrivato fin qui con la lettura, e hai scoperto che l’artigianato tradizionale dei violini di Cremona è la tua passione ? Allora, devi immediatamente recarti a Cremona. Infatti, la scuola cremonese è la scuola più importante per l’arte liutaria. Se desideri apprendere questo antico e nobile mestiere, il mio consiglio è di recarti li. Il metodo sviluppato a Cremona, a detta di tutti, è il migliore al mondo.

Tale metodo consiste in una prassi manuale, passata di tradizione in tradizione, e conservata, persino, nell’aria che si respira a Cremona.

Ti do alcuni dati, di 141 botteghe specializzate, ben 71 sono cremonesi. Fare viole è complicato, e per farlo è necessario un periodo di apprendistato.

Cremona è sinonimo di eccezionalità e alto artigianato, quindi se vuoi fare il mastro liutaio sai dove andare.

Ecco una scuola che può fare al caso tuo Cremona International Violin making School. Ti segnalo che il sito è talmente internazionale, da essere solo in inglese.

Guarda questo video, ascolta il suono di come nasce una viola, e immagina quanto poetico può essere questo mestiere.

Io ti ho detto tutto, ora sta a te, ascoltare con le tue orecchie la bellezza di questo luogo.

 

 

 

2 pensieri riguardo “L’artigianato tradizionale dei violini di Cremona è patrimonio UNESCO

  1. Articolo molto interessante. Proprio in questi giorni sarà inaugurata una mostra a tal proposito, di conseguenza queste informazioni diventano ancora più preziose! Come al solito, lo stile della scrittura fa sempre centro!

Lascia un commento