-posizione yug albero-donna-tramonto-montagne

Yug: l’unione tra mente, corpo e spirito

Yoga: patrimonio per l’umanità da conservare e praticare

La parola yoga deriva dal sanscrito Yug che significa unione. Tale parola riassume il concetto principe dello yoga: ovvero quello di unione tra mente, corpo e spirito.

Lo yoga  non solo una disciplina ma anche patrimonio dell’umanità. Infatti lo yoga è stato dichiarato nel 2016 patrimonio orale e immateriale dell’umanità dall’UNESCO.

Disciplina in grado di caratterizzare e scandire la vita del popolo indiano, e negli ultimi tempi anche la vita di noi occidentali, sinonimo di equilibrio e mente lucida, lo yoga non poteva non essere inserito come patrimonio dell’umanità.

-posizione yug tadasana-uomo di spalle-vista montgna e mare-jpg

Io e lo yoga

Era il 2014 quando ho messo piede per la prima volta in una palestra yoga. Subito sono stato avvolto dal silenzio e dalla pace che circondava quel luogo, fino a quel momento sconosciuto, e posso dire di essermi sentito immediatamente a casa.

Io frequentatore di palestre, accompagnato nei miei esercizi dalla hit del momento, sono stato  favorevolmente sorpreso dalla leggera musica armonica di sottofondo che quasi sfiorava il silenzio. Capii che non sarebbe stata una semplice giornata di sport, ma un viaggio dentro me stesso.

Viaggio che dura tutt’oggi, sì perchè la pratica dello yoga ha solo mete e non punti di arrivo. Infatti “raggiungere lo yug” è un’impresa ardua ma ricca di benefici.

Lo yoga viene praticato a tutte le età senza discriminazione, meditare, respirare eseguire posizioni sono il mezzo per raggiungere uno “stato di liberazione“.

Io ne sono rimasto affascinato, infatti ora appena posso chiudo gli occhi e comincio a praticare, e ritrovo la pace.

-tramonto in India-colori pastello-arancione e giallo-jpg

Yoga: un modo di conoscere l’antica India

Lo yoga ha origini antichissime, infatti è impossibile darne una datazione certa. Il primo documento ufficiale inerente lo yug è del filosofo Pantanjali, la cui vita è avvolta da fascino e mistero, egli visse tra il 500 e 200 a.c.

Ad oggi globalizzazione e consumismo  hanno cambiato radicalmente l’antica India,cambio esterno ma non interno. Infatti la spiritualità di questo popolo sia a livello sociale che culturale sopravvive tutt’oggi tramite anche a discipline come lo yoga.

Yoga e spiritualità sono stretti da un legame indissolubile che è destinato a durare nel tempo anche grazie alle ashram. Gli ashram sono scuole e centri nate con lo scopo di raggiungere il benessere personale tramite meditazione e yoga. Se cliccate sul link potete vederne un esempio.

Per conservare la cultura indiana è necessario preservarne la spiritualità, e l’UNESCO ha voluto dare un segnale forte facendo diventare lo yoga patrimonio dell’umanità. Infatti non dobbiamo dimenticare che lo yoga è per tutti e di tutti e tale deve rimanere.

-ragazza che fa yoga-sfondo grattaceli americani-jpg

21 giugno Yoga Day

Per non dimenticare l’importanza di questa disciplia l’ONU ha stabilito il 21 giugno come yoga day. 

Il 21 giugno non è una data casuale ma è il Dakshinayana, ovvero la porta che apre la seconda metà dell’anno, favorevole per piantare i semi della purificazione.

Il 21 giugno è anche il solstizio d’estate ovvero il giorno con più ore di luce dell’anno.

Quindi luce, buoni propositi, disciplina patrimonio dell’UNESCO che aspetti a unirti anche tu allo yoga day, per praticare e conservare la tradizione. E non ti dimenticare che yug è sinonimo di unione tra spirito corpo e mente.

 

 

Lascia un commento